23-09-2017
     
Home arrow Comunicati Stampa arrow Celebrazione della Giornata europea dei Giusti fra le Nazioni  
Il comune
Home
Sindaco - Giunta
Consiglio comunale
Statuto
Contattaci
Delibere
Regolamenti
Operazione Trasparenza
Albo pretorio online
Pubblicazioni matrimoniali
P.R.E.
Amministrazione Aperta
Amministrazione trasparente
Gli uffici
Anagrafe
Polizia municipale
Ragioneria - tributi
Ufficio tecnico
Segreteria
Modulistica
Bandi e Avvisi
News
Comunicati Stampa
Torre de Passeri YouTube
Nido Comunale
Progetti e Laboratori
Gallery
Servizi
Punto Informativo Confcommercio
S.O.G.E.T.
A.C.A.
Segretariato sociale
Protezione Civile
INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE
logo protezione civile
Informazione alla popolazione pratiche di auto salvamento
Piano Comunale di Emergenza
Protezione Civile comunale e intercomunale
Comunicazioni
Fatturazione Elettronica
Dizionario di Torrese Antico
Image
Celebrazione della Giornata europea dei Giusti fra le Nazioni PDF Stampa E-mail

Anche quest’anno il Comune, insieme all’Istituto Tecnico Economico, ha aderito alla Giornata europea dei Giusti, istituita nel 2012 dal Parlamento europeo per ricordare gli uomini e le donne che, con il loro coraggio, hanno soccorso e difeso i perseguitati durante genocidi e totalitarismi, organizzando un’iniziativa che ha coinvolto nella mattinata lunedì 6 marzo oltre duecento studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado del paese. Alla cerimonia con gli studenti che si è svolta, in due momenti, fra la sede dell’Ite e il Parco dei Giusti, sempre in via Einaudi ha preso parte, con il sindaco Piero Di Giulio, il vicesindaco Giovanni Mancini e la dirigente dell’Ite Patrizia Corazzini, il presidente della Provincia di Pescara Antonio Di MarcoLa giornata si è aperta con il racconto della storia di Azucena Villaflor e di tutte le madri di Plaza de mayo, Giusta fra le Nazioni e tra le fondatrici del movimento delle madri di Plaza de mayo. Proprio il nome di Azucena e della Madri argentine dal fazzoletto bianco è stato inciso su una nuova mattonella all’ingresso del Parco dei Giusti di Torre de’ Passeri, accanto a  quelli dei giusti d’Abruzzo Vincenzo Baccalà di Lanciano, Alfredo e Giulia De marco e Giuseppina Rucci di Atessa , Roberto Castracane di Villa Santa Maria, Emidio e Milietta Iezzi  di Guardiagrele e Don Gaetano Tantalo di Villavallelonga – L’Aquila). 

Il messaggio di democrazia e libertà delle Madri argentine, è stato poi affidato al teatro, con la messa in scena di “Tanos, abruzzesi d’Argentina” di e con Stefano Angelucci Marino e Rossella Gesini che hanno saputo emozione l’intera platea. Lo spettacolo racconta dell’emigrazione degli italiani nello stato sudamericano nel 1950 e, in parte del dramma dei desaparecidos durante la dittatura militare che emerse anche a seguito della coraggiosa battaglia delle madri di molti ragazzi scomparsi che, organizzandosi nel movimento delle Madres de Plaza de mayo, ogni settimana scendevano in piazza per chiedere la verità sulla sorte dei loro figli.

“Questa Giornata – ha detto il sindaco Piero Di Giulio - è di particolare significato perché insegna alle nuove generazioni il valore della responsabilità civile e si pone in linea con le attività di studio ed approfondimenti che da tempo vengono portate avanti da Comune ed istituzioni scolastiche. I Giusti che hanno salvato delle vite umane ci richiamano al dovere morale di prevenire i genocidi ed ogni forma di atrocità di massa”.

Azucena Villaflor aveva quattro figli quando, nel 1976, con un golpe militare, il generale Jorge Rafael Videla prese il potere e instaurò la dittatura in Argentina. Otto mesi più tardi, uno dei suoi ragazzi, Néstor, sparì. Si parla di 30mila desaparecidos in sette anni di governo. Studenti, operai, sindacalisti, sacerdoti, docenti, psicanalisti, giornalisti. Tutti accomunati dal fatto di essere considerati un pericolo per la nazione. Dopo sei mesi senza notizie, Azucena e altre madri decidono di scendere in piazza, scegliendo di portare nel cuore del potere la voce della protesta e il 30 aprile 1977 si danno convegno a Plaza de mayo, nel centro di Buenos Aires, di fronte alla Casa Rosada, sede del governo. In seguito all'imposizione giudiziaria di non fermarsi né “raggrupparsi”, ma di “circolare”, le donne decidono di camminare intorno alla piazza. Si presentano con un fazzoletto bianco in testa, recante il nome del figlio scomparso. Il 10 dicembre 1977, Giornata Internazionale dei Diritti Umani, le Madres pubblicano un annuncio sui giornali con i nomi dei figli scomparsi. Quella stessa notte, Azucena viene sequestrata da un gruppo armato, sarà trasferita e reclusa nella ESMA, una famigerata caserma adibita a luogo di tortura degli oppositori. Pochi mesi dopo, i suoi resti verranno restituiti dal mare.

L’iniziativa, messa in campo dal Comune di Torre de’ Passeri e dall’Ite, è sostenuta da Gariwo, Gardens of the Righteous Worldwide (foresta dei Giusti), un’associazione nata a Milano nel 2000 su iniziativa di Gabriele Nissim, ebreo, e Pietro Kuciukian, armeno, per ricordare le figure esemplari di resistenza morale ai regimi totalitari nella storia del Novecento, anche attraverso l'istituzione di luoghi della memoria in diverse parti del mondo. 

L’Addetta stampa Francesca Piccioli 

Torre de’ Passeri, 6  Marzo 2017

 
< Prec.   Pros. >
Il paese
La storia
Turismo
Feste e tradizioni
Scuole
Associazioni/Volontariato
Webcam
Sport
Photo Gallery
Informazioni
Numeri utili
Link Utili
Sisma Abruzzo 2009
Sisma Abruzzo 2009
Tracciabilità delle macerie
Pratiche in istruttoria presso U.T.R.
Contributi concessi
Raccolta Differenziata
Guida alla Raccolta
Calendario
Educazione Ambientale
News ed Informazioni
Downloads
Visita in Municipio Classe III
Interattività
Area riservata
Image
Europe for Citizens
torriadi
notte bianca
Corsa della Memoria
Unicef
Valid CSS!
Valid XHTML 1.0 Transitional
Hosted by OMNIBUS.net